Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Aprile 2012

Un’artra “chance”

un'artra chance

Un’artra “chance”

***

Un’artra “chance”, magara ce l’avessi,

tutte le vorte, mille, quanno sbajo,

‘gni sempre che combino un quarche guajo,

riavvorge er nastro,  nun sia mai potessi…

***

Rivive quer momento e dacce un tajo

a l’eroracci stronzi ch’ho commessi,

ciavessi le licenze e li permessi,

pe tornà indietro ar primo de gennajo.

***

Ma in de sta vita c’è ‘na corza sola,

bijetto pe ‘na tratta, sola annata,

er viaggio nun ammette sosta o spola.

***

Così che l’artra “chance” desiderata,

ce l’ho p’er poi, si sbajo e prenno scola

e nun ripeto più quela cazzata.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. In caso di errore voltare pagina, mai piangere sul latte versato…, lo sguardo deve volgere sempre avanti, con fiducia e con coraggio!

    E sempre forza stamaggica Roma!!!

    Comment di Silvio — 19 Aprile 2012 @ 09:31
  2. … il dado è tratto! …

    Comment di Elio Malloni — 19 Aprile 2012 @ 09:49
  3. Molto profondo.”Voce dal sen fuggita…ecc.ecc.” Ma gli errori aiutano a crescere, anche se, a volte, sembra di non crescere mai.
    Pensiero del giorno veramente azzeccato!

    Comment di letizia — 19 Aprile 2012 @ 10:07
  4. Bellissimo, molto profondo e veritiero…

    Comment di Sololupo — 19 Aprile 2012 @ 20:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>