Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Aprile 2012

La grandine

la grandine

La grandine

***

A un tratto e senza un dito de preavviso,

viè giù potente, misteriosa e forte,

grandine sò perle de ghiaccio torte

a le collane su der Paradiso.

***

Rimbarza dappertutto e senza scorte,

scroscio d’applauso pieno e condiviso,

imbianca giusto er tempo d’un soriso,

ché le palline già sò tutte sciorte.

***

Raggela in un momento, anche d’Estate,

si viè in Autunno, presta un po’ de Inverno,

 che Primavera l’aripaga a rate.

***

    Come un corpo de straccio che l’Eterno,

ripassa pe pulicce le giornate

e facce stà in campana da l’Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________ 

  1. Bello as usual il sonetto… qual’era il contrappasso dei dannati sotto la grandine nella Comoedia scritta da quel sonettaro fiorentino?

    Ecco il mio contributo per il pensiero del giorno:

    Bossi, Trota e Maroni, carci’n culo a ginocchioni
    Maroni, Bossi, e Trota, sti tre fiji de madre ignota
    Trota, Maroni e Bossi dall’Italia siete rimossi

    Comment di Pablo BigHorn — 20 Aprile 2012 @ 11:42
  2. Magnifico sonetto. Sembra di sentire il rumore della grandine. Al pensiero del giorno ha risposto Pablo, molto delicatamente!

    Comment di letizia — 20 Aprile 2012 @ 13:05
  3. Me l’ero perso, sarebbe stato un vero peccato… Sò perle de ghiaccio torte alle collane der Paradiso… È da urlo….grande Stè….

    Comment di Sololupo — 21 Aprile 2012 @ 08:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>