Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Aprile 2018

Fà er ponte

fà er ponte

Fà er ponte

******

Che bello quanno ariesce de fà un ponte,

mortiplicà le ferie e le vacanze,

un modo d’accorcià tempo e distanze,

tra tera, cèlo, mare e orizzonte.

***

È er coridoio in mezzo fra du’ stanze,

traghetto pe du’ feste e un po’ Caronte,

c’è sempre chi se tiè le cose pronte,

pe scappà via e sfruttà le circostanze.

***

Tra questi, c’è quarcuno eccezzionale,

ch’è in grado, tra le artre cento imprese,

de allungà le ferie sur feriale.

***

Ar punto che nun desta più sorprese,

si prenne un ponte tra Pasqua e Natale,

e torna dopo un anno e quarche mese.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Stefano… sei un portento… sei eccezionale… BRAVISSIMO…

    Comment by Vincenzo COPPOLA — 3 Maggio 2012 @ 20:07
  2. Che bello quanno ariesce de fà un ponte,
    mortiplicà le ferie e le vacanze,
    un modo d’accorcià tempo e distanze,
    tra tera, cèlo, mare e orizzonte. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Aprile 2018 @ 07:11
  3. Gli italiani sono famosi per fare i “ponti”, l’Italia ne è piena!!!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 26 Aprile 2018 @ 08:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>