Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 Maggio 2012

Villa Borghese

villa borghese

Villa Borghese

***

Regazzi a córe appresso a un pallone,

li vecchi guasi a strascicà li passi,

pe tené a bada pupi e scarcià sassi

de coridori ar becco d’un nasone.

***

E tra le fresche frasche, come prassi,

l’innamorati a sbaciucchià passione,

chi legge, chi ariposa e a l’occasione

chi se pija er sole, mejo profilassi.

***

S’affaccia ar Pincio, timida e cortese,

Piazza de Siena a fà er galoppatojo,

l’emporio d’arte a Galleria Borghese.

***

Tappeto verde steso a macchia d’ojo,

sotto a ‘sto cielo tinto de turchese,

 in de ‘sta Villa cresce l’erba vojo.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. … che belle passeggiate … e quante artre belle senzazzioni …

    Comment di Elio Malloni — 16 Maggio 2012 @ 09:23
  2. Sega a scola, giacchetti a tera a fa’ le porte, primi baci di primavera, quanti bei ricordi… e poi Villa Borghese in fiore che spettacolo!

    Comment di Silvio — 16 Maggio 2012 @ 09:34
  3. Ancora!!! Ancora un sonetto che mi riporta indietro di non mi ricordo quanti anni.
    Quanti bei ricordi e anche se erano tempi tristi, si ripensano con piacere.
    Si, ancora una volta grazie per l’appuntamento con il sonetto amardord.

    Comment di 'svardo — 16 Maggio 2012 @ 10:55
  4. A proposito del pensiero del giorno, la frase di febbre a 90…
    Proprio ieri ho trovato un peccato commesso pochi anni fa, una parodia di acqua di Marzo http://www.youtube.com/watch?v=t6nPzRnLdxo che ho scritto pensando alla Roma di allora, eliminata ad un passo dalla semifinale di Coppa.
    Ve la propongo, nel prox messaggio, tanto per ridere (provate a leggerla sullo sfondo di Mina che che canta)

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Maggio 2012 @ 14:15
  5. Finale di Maggio

    E’ mah è forse è “vola tedesco vola”
    rimbalzo sul palo è “mai sarai da sola”.
    E’ Juan di vetro, è la luna e il falò
    è lo schema di Spalletti, è crederci o no.
    Margherita di campo, sono tanti i rimpianti
    è la palla lontana è, ahi! un giallo di Morganti
    E’ folata di vento è Tonetto dal fondo
    una pennellata, un tiro che illumina il mondo.
    Tramontana da montemario soffia ancora
    è il contro è il pro è la Curva che s’innamora.
    E’ la pioggia che scende è la Sud che canta fiera
    è la finale di Maggio che c’era o non c’era.
    E’ si, è no è il mondo com’era
    è Grobbelaar che balla, burrasca passeggera.
    E’ un arbitro del nord, Cicigno che non va su,
    un guardalinee e un fallo, una rimessa in più.
    E’ la sconfitta sul gozzo, è Mancini che parte
    è Menez col broncio perché stava in disparte.
    E’ spero è credo è un canto al tramonto
    la Coppa Italia vinta, un incanto un incontro.
    E’ l’ombra di un gesto, un cucchiaio che brilla
    il Capitano che ciuccia, la Curva che strilla
    E’ Mexes che spazza, DDR l’aorta,
    la giocata di fino, col Manchester va storta.
    E’ il progetto di Rosella è un’offerta lì intorno,
    un inno cantato, è un’andata è un ritorno
    E’ la finale di Maggio, è quello che è
    la speranza di vittoria che porti con te
    E’ mah, è forse, è “vola tedesco vola”
    rimbalzo sul palo, è “mai sarai da sola”.
    E’ Juan di vetro, è la luna e il falò
    è lo schema di Spalletti, è crederci o no.
    E’ la finale di Maggio, è quello che è
    la speranza di vittoria che porti con te
    è la finale di Maggio, è quello che è
    la speranza di vittoria che porti con te.

    Jobim, Fossati, Grandecorno

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Maggio 2012 @ 14:17
  6. (forse avevo bevuto un goccio di troppo)

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Maggio 2012 @ 14:21
  7. Grandioso Paolo !!! Questa ce la devi cantare tu !!!

    Comment di Stefano — 16 Maggio 2012 @ 15:06
  8. A Stè, che m’hai fatto ricordà… figurete che ho fatto il liceo a via ripetta… e chevvelodicoafà… villa Borghese era la succursale del liceo, ‘ndo se faceva ricreazione e…OLTRE!

    P.S. Grandioso Paolo! Se hai bevuto un goccio de troppo pe fa sti versi, aò… nun te posso che fa ‘n augurio:
    CENTO DE STE BOTTIJE !!!

    Comment di Luis — 16 Maggio 2012 @ 17:53
  9. Io ci vado in bicicletta a Villa Borghese… così non inquino e lascio respirare gli alberi!

    Comment di principessa — 17 Maggio 2012 @ 15:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>