Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Maggio 2012

Li pezzentari

Li pezzentari

***

Aiuti a li dentisti e giojellieri,

pe propietari de l’autosaloni,

pe arberghieri e artre occupazzioni

da miserabbili straccioni veri.

***

‘Sti 730 e ‘ste dichiarazzioni,

più che denunce ar fisco, co ‘sti zeri,

sò da mannà a la “Caritas mestieri”,

pe daje da magnà a ‘sti barboni.

***

Li immaggino a la menza de San Pietro,

a fà la fila, ‘sti indiggenti vari,

pe un piatto callo e loro a spigne dietro …

***

Che pena: loro in fila, tristi e amari,

l’autista che l’aspetta addietro ar vetro

de fori, chi cor “Porsche”, chi cor “Ferari”.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Se sto’ Paese sta sempre più in ginocchio invece de fa’ pagà le tasse a chi non le paga, aumentiamo ancora la benzina, il biglietto del bus, le tasse sulla casa, le bollette, e col caro carburanti a catena tutti i consumi, compresi quelli alimentari… E’ questa la terapia vincente, la geniale intuizione di questi sommi scienziati, tecnici superspecialisti, fedeli paladini delle banche!

    Comment by Silvio — 31 Maggio 2012 @ 10:07
  2. … storia vecchia, tanto schifosa e vecchia, ma oggigiorno non più sopportabile, vista la tecnologia …

    Comment by Elio Malloni — 31 Maggio 2012 @ 10:11
  3. La solita piccola Italia che nn cambia mai…due pesi e due misure…ricchi e poveri…buoni e cattivi…ladri e onesti … ROMA e merdalazie 😀

    Comment by federica_perla — 31 Maggio 2012 @ 11:58
  4. L’occasione fa l’omo ladro, la detrazione fa il l’omo evasore!
    Grande Federica, la chiosa è ‘na Perla de saggezza!!!

    Comment by L'uis — 31 Maggio 2012 @ 13:19
  5. Che schifo!

    Comment by letizia — 31 Maggio 2012 @ 17:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>