Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio 6, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

6 gennaio 2018

Roma – Atalanta

Roma – Atalanta: 1-2

***

Modo peggiore pe inizzià er ritorno

che va a concide poi cor novo anno,

sconfitta ch’è più amara e me ce addanno,

co un omo in più pe più de un tempo a storno.

***

Stavorta nun c’è VAR che pò fà un danno

o jella che t’ariva pe contorno,

c’è che nun te s’è fatto un novo giorno,

dopo l’urtime gare in granne affanno.

***

C’è quarche cosa che ce s’è inceppato,

prima solo a segnà, mó pur’er gioco,

ch’è anche più grave già der risurtato.

***

De tempo ce ne sta, e nun è poco,

pe arimette in piedi er campionato,

ma basta de fà fumo, serve er foco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno.

 ***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

 ***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

 ***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepe mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***