Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2017

I sonetti romani,Romanamente

31 Dicembre 2017

Dar 2017 ar 2018

Dar 2017 ar 2018

***

Così va via er dumiladiciassette,

ner mentre che viè er dumiladiciotto,

ch’è come un pupo è appena un bambolotto,

co un dito in bocca che sempre se mette.

***

Va via un vecchietto tutto storto e rotto,

che cià un bastone in mano che permette

de restà in piedi, co le zampe erette,

e ce saluta prima de fà er botto.

***

Ariva ‘sto pupetto ch’è un bambino

che crescerà tra mille cose nòve

dodici passi lungo er suo cammino …

***

… che appena nato già sa come move

fin quanno de ‘sti tempi er suo destino

ha da passà ar dumiladiciannove.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

30 Dicembre 2017

Roma – Sassuolo

Roma – Sassuolo: 1-1

***

Se chiude qui er dumiladiciassette,

co ‘sto pareggio in casa ch’è ‘no sfreggio,

se chiude male pe nun dì de peggio,

co frasi già sentite e già aridette.

***

Se chiude co ‘sto pari ch’è un pareggio

che lassa a tutti bocche e braccia strette,

e teste che ormai guardeno le vette

lontane nove punti pe posteggio.

***

Se tira poco in porta e troppo tardi

er gioco pure pare assai più lento

de quello che rubbava occhi e sguardi …

***

… è come si quarcosa se sia spento,

ché prima da penzà a li traguardi,

c’è da riaccenne er gioco in ‘sto momento.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Se rivedemo l’anno prossimo

Se rivedemo l’anno prossimo

***

De tutte le battute più scontate,

aripetute fin’a sfinimento,

de certo ce sta quella der momento

de quanno ‘gni anno chiude le giornate.

***

“S’arivedemo er prossimo … contento?”

speranno in te de suscità risate,

chi de ‘sta novità fa er mecenate,

ma nun ce riesci a ride manco a stento.

***

Penzace mó, amico mio lettore,

quanno t’ariverà co ‘sta battuta

er comico de turno, er mattatore.

***

Risponnije pe rima e senza affanno,

“famo che adesso ‘gnuno se saluta,

nun se vedemo più, manco ‘st’artr’anno”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2017

Sciorte le Camere

Sciorte le Camere

***

Sciorte le Camere der Parlamento,

finisce qui ‘st’artra leggislatura,

me pare già ce sia un’aria più pura,

solo grazzie a ‘sto novo accadimento.

***

Cinqu’anni co ‘sta gente, che avventura,

un lustro intero, penza che tormento,

de danni fatti tanti, a cento e a cento,

ma è finita oggi ‘sta tortura.

***

Se spera che a le prossime elezzioni

der 4 marzo se faccia un governo

co ommini sapienti, onesti e boni.

***

Che penzino ar Paese, ch’è un inferno,

c’è un popolo ch’ha pieni li cojoni,

d’annà a votà pe chi rubba in eterno.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Dicembre 2017

Contraddizzioni natalizzie

Contraddizzioni natalizzie

***

‘Gni du’ parole una è ‘na biastima,

ce l’hai co clero, Papa, preti e sòre,

rifiuti ‘gni concetto de Signore,

o si ce l’hai, de certo nun ciài stima.

***

Te vanti d’èsse ateo, come onore,

tu ch’hai capito tutto da là in cima,

pe te prima der monno, dico, prima,

ce stava er gnente, mica er Creatore.

***

Poi ariva er tempo giusto der Natale,

e stai ‘na settimana a comprà pacchi,

ne li negozzi ar centro commerciale.

***

In amicizzia fatte dì, via cavo,

 senza che te ce sformi, ossia te ‘ncacchi,

ma fasse véde bene, da uno bravo?

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Dicembre 2017

Santo Stefano

Santo Stefano

***

Er protomartire, ch’è er primo ucciso

martirizzato pe difenne Cristo,

lui Stefano, cioè che quanno ha visto

li Cèli aperti, er Padre e er Fìo assiso …

***

…  a la Sua destra, lì (e me rattristo)

da sassi lapidato e in più deriso,

mentre moriva, l’attimo preciso,

lui perdonò chi l’ammazzava pisto.

***

Ner calennario segue già er Natale,

come che vita e morte sò un ritorno

de un disegno de Chi ha vinto er male …

***

… pe ricacciallo in de l’abbisso ar forno,

e io me picco d’avé er nome uguale

è d’èsse nato propio in de ‘sto giorno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani

25 Dicembre 2017

Natale

Natale

ééé

Si penzo, anche solo pe un seconno,

ch’er nostro Dio, ch’è Eterno e Onipotente,

pe fasse ariconosce da la gente

de tutti quanti l’angoli der monno …

 ***

… s’è fatto carne e carne d’innocente,

de un Pupo che cià fame, freddo e sonno,

rimango lì incantato in der profonno,

senza riuscì più a dì, né a fà un ber gnente.

***

Un Dio che, come ’gni omo da bambino,

è un quarche cosa che er resto ariduce

a meno de un avanzo da cestino…

 ***

… Ché qui nun viè de certo pe fà er duce,

puranche ch’è er Padrone der Destino,

ma pe sarvacce a tutti e dacce Luce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***