Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Dicembre 2017

Se rivedemo l’anno prossimo

Se rivedemo l’anno prossimo

***

De tutte le battute più scontate,

aripetute fin’a sfinimento,

de certo ce sta quella der momento

de quanno ‘gni anno chiude le giornate.

***

“S’arivedemo er prossimo … contento?”

speranno in te de suscità risate,

chi de ‘sta novità fa er mecenate,

ma nun ce riesci a ride manco a stento.

***

Penzace mó, amico mio lettore,

quanno t’ariverà co ‘sta battuta

er comico de turno, er mattatore.

***

Risponnije pe rima e senza affanno,

“famo che adesso ‘gnuno se saluta,

nun se vedemo più, manco ‘st’artr’anno”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. De tutte le battute più scontate,
    aripetute fin’a sfinimento,
    de certo ce sta quella der momento
    de quanno ‘gni anno chiude le giornate. … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Dicembre 2017 @ 10:04
  2. Ho acceso il pc solo ora! Questo sonetto è veritiero!
    Buonanotte!

    Comment di letizia — 30 Dicembre 2017 @ 23:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>