Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

29 novembre 2017

“P” come piatti

“P” come piatti

***

La tavola com’è, purché se magna,

va bene da la “A” fin’a la “Z”,

ma c’è la “P” che più de l’artre allieta,

palati, bocche e gole da cuccagna.

***

Pasta, Patate e Pane, si stai a dieta,

Peperoncino e Pepe a le carcagna,

Presciutto, Pommidoro, Pandespagna,

le cose le più mejo der pianeta.

***

Polenta o perché no, ‘na Parmiggiana,

ma pe tornà a magnà dentr’ar raccordo,

c’e la Pancetta pe l’amatriciana.

***

La Pizza quella bassa o d’arto bordo,

ma a tavola ‘gni lettera italiana

me gusta quanno magno e quanno mordo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. La tavola com’è, purché se magna,
    va bene da la “A” fin’a la “Z”,
    ma c’è la “P” che più de l’artre allieta,
    palati, bocche e gole da cuccagna. … (continua)

    Comment by Stefano — 29 novembre 2017 @ 05:53
  2. Eh sì, Pane, Pasta, Pizza ma anche Pancia… ahahah!!!

    Comment by Silvio — 29 novembre 2017 @ 10:24
  3. M’è venuta ‘na fame…!
    Buon Pranzo, ma non abbuffatevi come quelli della foto!

    Comment by letizia — 29 novembre 2017 @ 12:10

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>