Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 Luglio 2021

La “Festa de Noantri”

La “Festa de Noantri”

***

Festa trasteverina ar ber ricordo

de la Madonna detta “fiumarola”,

che prese er nome, appunto, o la parola

da la statua trovata lungo un fiordo…

***

… a la foce der Tevere, da sola,

bella, tutta dipinta fino ar bordo,

che storia e tradizzione sò d’accordo,

Roma sarvò da ‘na tempesta viola.   

***

La festa de Noantri, pe dizzione,

se celebbra a Trastevere ‘gni anno

a metà lujo, come da copione.

***

Co l’abbitanti che pe giorni vanno

co ‘sta Madonna in giro, in processione,

p’er fiume e p’er quartiere … de rimanno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Luglio 2021

Via Veneto

Via Veneto

***

Via Veneto: ’no scatto da rivista,

anche senza ritocchi de colore,

ar nato ricco nun je fa stupore,

pe chi c’è diventato è ’na conquista.

***

Percorza ar passo der rallentatore,

co tutt’er tempo lento der turista,

lei srotola quela sciccosa lista,

de posti ’ndó se ’nghinghera er signore.

***

Arberghi, bar, negozzi e ristoranti,

’gni occasione è bona a fà vetrina,

de perzonaggi noti a tutti quanti.

***

Ma chi mai finirà in copertina,

perché nun cià né carte, né contanti,

la “dorcevita” guarda in cartolina!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

7 Luglio 2021

Zodiaco

Zodiaco

***

Si vòi gustatte Roma in bella vista,

ciài da salì in pizzo a Monte Mario,

t’affacci da lassù co ’no scenario,

de la città che gongola er turista.

***

Zodiaco, se chiama, er planetario,

er nome de ’sto posto da rivista,

che fa volà da fermi e senza pista,

sopr’a ’sto panorama leggendario.

***

Davanti a te, inzino a l’infinito,

se stenne Roma, come messa in posa,

co l’eco eterna che rintona er mito.

***

Tra l’orizzonte tinto de ’gni rosa,

e er Tevere rifresso rinverdito,

l’azzuro de ’sto celo s’ariposa.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Giugno 2021

Campo de’ Fiori

Campo de’ Fiori

***

Giù propio in fonno a via de’ Giubbonari,

a quarche metro da Piazza Farnese,

Campo de’ Fiori pare quer paese,

che cià ’na vita sua, d’artri binari.

***

Perciò s’acchitta che pare un marchese,

fra un sueggiù de mestieranti vari,

come sonà un violino stradivari,

in mezzo a un gruppo de chitare accese.

***

Via-vai continuo de passeggiatori,

sotto a lo sguardo de Giordano Bruno,

co l’occhi che je sorteno de fòri.

***

Te credo, tutt’er giorno c’è raduno,

d’umanità tra li banchi de fiori,

a lui nun se lo copre mai nisuno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Giugno 2021

Li sette colli

Li sette colli

***

Er primo, ch’è er più antico, è l’Aventino,

se passa poi in rassegna ar Viminale,

a cui s’accoppia spesso er Quirinale,

li segue a rota sempre l’Esquilino.

***

Poi ce sta er Celio, ’ndó c’è l’ospedale,

der marinaro come de l’arpino,

vicino ar Colosseo, c’è er Palatino,

a chiude er Campidojo, più centrale.

***

È su ’sti colli che s’adaggia Roma,

pe fasse riccontà da li sonetti,

che escheno da soli in de ’st’idioma.

***

Così da fà quattordici verzetti,

uniti inzieme pe rimà l’assioma,

che Roma s’ama co preggi e difetti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Giugno 2021

Fornari der Ghetto

Fornari der Ghetto

***

Tra li vicoli sparzi indentro ar Ghetto,

quanno ch’arbeggia, la matina presto,

le sole luci in mezzo ar buio pesto,

sò quelle lì de quarche caminetto.

***

Ma prima de ’sti lumi, viè più lesto,

l’odore che te penetra ner petto,

der pane appena fatto, co l’effetto

d’arisvejatte si nun t’eri desto.

***

Nun è solo un profumo, ma un’essenza,

tripudio de farina cott’ar forno,

che sa de casa, tant’è forte e intenza.

***

Ma sbrighete, ché quann’ariva giorno,

se porta via quer soffio de ’ncoscenza,

che nun lo pòi sapé si fa ritorno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2021

Villa Pamphilj

Villa Pamphilj

***

Si nun l’hai fatto ancora fino a ieri,

’na vorta vacce ar tempo de l’aurora,

ch’er sole piano piano la colora,

de verdi vivi, forti, pieni e veri.

***

Sta lì pe te, vestita da signora,

solo che passi in mezzo a li sentieri,

dimentichi le noie e li penzieri,

cor vento ch’accarezza quer che sfiora.

***

Ner saliescenni pòi ’ncrocià er laghetto,

abbraccicato a l’arberi d’attorno,

piantati lì che pareno un quadretto.

***

Si arzi l’occhi ar celo c’è er ritorno,

de passeri che canteno in farzetto,

Villa Pamphilj è tua dopo quer giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***