Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 15, 2011

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 marzo 2011

Le Idi di Marzo

le-idi-di-marzo

Le Idi di Marzo

***

Er quinnici de marzo fu quer giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitrè vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

***

Lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co st’attentato?”

***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…”  in latino

quanno l’ariconobbe daje botte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

***

Ma le parole sue se sò intèrotte,

che Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE FILI MI…GNOTTAE!!!

 

Stefano Agostino

_____________________________