Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

14 Luglio 2012

La colazzione

La colazzione

***

Tu dimme pure quello che te pare,

nun arinuncio mica a ‘sta delizzia,

nun c’è giornata mia che nun inizzia,

seduto a fà ‘na colazzione ar bare.

***

Sarò signore (embè) si è un’ingiustizzia,

allora finirò dietro a le sbare,

ma pure ar gabbio co sorci e zanzare,

nun me se torga st’unica letizzia.

***

Vabbè, ma pe conclude ‘sto sonetto,

te devo ariccontà com’ha da èsse,

‘sto rito matutino che t’ho detto.

***

È er matrimogno, forze pe interesse,

tra Tazzadecappuccio e sor Cornetto,

che ne l’inzuppo è come si godesse.

***

Stefano Agostino

____________________

  1. Peccato che nessuno se sia voluto fa sta colazzione.
    Io, com’ar solito, me so’ fatto ‘na rosetta a pezzi drento a ‘na tazza de caffelatte.
    Ner cornetto, troppo burro.

    Comment di 'svardo — 15 Luglio 2012 @ 00:11
  2. Con un giorno di ritardo (ieri è stata una giornata campale) leggo questa colazione! SLURP proprio buona, anche se ormai non la faccio più.

    Comment di letizia — 15 Luglio 2012 @ 11:35
  3. Magnifico sonetto!
    Anche io non rinuncio a questo rito mattutino, forse l’ultimo “lusso” che mi concedo… Il barista di fiducia, lui sa come voglio il cappuccio, poi il cornetto farcito con crema, la lussuria della superficie densa che resiste, l’intingo… un’inzuppo per iniziare la giornata, è quello che ci vuole!

    Comment di Pablo BigHorn — 15 Luglio 2012 @ 22:07
  4. Un cappuccino SERIO mi è mancato, in Scozia!

    Comment di principessa — 22 Luglio 2012 @ 19:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>