Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

19 Luglio 2012

L’arzura

L’arzura

***

D’estate che te prenne quel’arzura,

ch’er Sole incoccia e t’aribbolle in testa,

gnent’artro ciài da fà, ossia t’aresta,

che tojete la sete che t’attura.

***

E quanno che ce riesci è già ‘na festa,

te pare da fiatà da la calura,

quaranta gradi de temperatura,

‘na puzza de sudore che t’appesta.

***

T’attacchi a la bottija e giù a cannella,

che manco un dromedario ner deserto

e quer che bevi ingozzi a garganella.

***

Ma quanno ch’hai finito, pòi stà certo,

che sarai tu a fatte fontanella,

co la vescica a urlà: “Ar cesso! Sverto!”

***

Stefano Agostino

________________________

  1. “……..co la vescica a urlà: “Ar cesso! Sverto!”
    Purtroppo “ando’ la và la viene”, l’acqua ha da esci’. Però t’ha lavato drento e più bevi e più stai mejo. Male pe’ certi anziani che si nun fanno ‘n tempo ……..

    Comment by 'svardo — 19 Luglio 2012 @ 09:19
  2. Scusate il ritardo, ma solo adesso ho acceso il pc, ma ne valeva la pena!

    Comment by letizia — 19 Luglio 2012 @ 20:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>