Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Luglio 2012

nun j’AFAmo più

nun j’AFAmo più

***

Scipione, poi Caronte e mo Minosse,

li nomi de li tre anticicloni,

nun sò sortanto tre arte pressioni,

sò fochi accesi da le fiamme rosse.

***

Sò masse de calore che, a scajoni,

vengheno su da l’Africa e sò mosse

da venti der deserto e a bolle grosse

ce metteno l’Italia in ginocchioni.

***

Porteno l’afa e fiamme da l’inferno,

anticipo de quello che je tocca

a chi ce andrà pe stacce poi in eterno.

***

Ma ar confronto st’afa che ce sbrocca,

è arietta fresca, ché lì in sempiterno,

er Diavolo la sforna da la bocca.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Io mi limito a VESTIRMI MOLTO POCO e ad accendere il condizionatore a casa…. per il resto, sto benissimo!

    Comment di principessa — 10 Luglio 2012 @ 09:10
  2. ‘Sto sonetto è l’inferno dantesco!!!! Bravissimo!
    Speriamo che qualcuno abbia capito quello che ha detto il Cap!

    Comment di letizia — 10 Luglio 2012 @ 10:45
  3. De sti tempi e co’ st’arsura la mejo cosa è scappà dalla pianura e salì sulla montagna ‘ndo se dorme, se beve e se magna!
    Magari a Riscone a fà li gradoni cor boemo…

    Comment di Silvio — 10 Luglio 2012 @ 10:48
  4. Grazie Letizia. Silvio, ah ah ah !!!

    Comment di Stefano — 10 Luglio 2012 @ 10:58
  5. Diciamocelo… Sto caldo è colpa della ROMA…
    E sì, potevano esse ar massimo 40 gradi… Invece per colpa della ROMA saranno armeno 45 grad…ONI!

    Comment di Luis — 10 Luglio 2012 @ 21:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>