Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

19 Agosto 2012

Er Ponentino

Er Ponentino

***

Che fine ha fatto, dimme, er Ponentino,

er vento che soffiava a tarda sera,

l’arietta alegra, frivola e leggera,

ch’arinfrescava Roma de marino?

 ***

Co l’afa che l’ha fatta priggioniera,

a ’sta città der Belli e der Pasquino,

de ’st’alitata ch’ha der frizzantino,

più der ricordo resta la chimera.

 ***

D’artronne è l’ovvia inzana conzeguenza,

de come cambia er tempo e varia er clima,

pe l’omo che nun cià più ’na coscienza.

 ***

Vòrebbe aritornà a quer tempo, prima,

quanno a quel’ora giusta e a l’occorenza,

s’arzava fresca l’aria de ’sta rima…

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Er “Ponentino” fa fatica a ariva’ ‘nfino a Roma; j’hanno creto ostacoli su tutto er percorso: palazzi e palazzi.
    Quì ando’ sto ancora se sarva e ariva puntuale ‘a “brezza marina”.
    Stanno a riempi’ la zona de palazzi. Si, ANCORA ariva ‘a l’arietta de mare.

    Penziero der giorno:
    “Non mi stupisco delle dichiarazioni di Jonh Elkann. Mi stupisco che ci sia qualcuno che se ne interessi.”
    Poraccio, dopo che j’hanno levato l’incarico a la FIAT, nun ‘n cacchio da fa e allora straparla, ossia: vaneggia.

    Comment di 'svardo — 19 Agosto 2012 @ 09:48
  2. Mò tira l’indis-ponentino, proveniente dal Piemonte…

    Soffia (come una serpe) da quel di Torino e percorre tutta la penisola…
    Se ne ristorano in tutte le regioni sopratutto li falliti, li vigliacchi, li poracci che nun sò disposti a soffrì per la squadra della loro città, quelli che tifano il più forte (e ladro), che negano l’evidenza e che vonno sempre esse impuniti… e perciò li trovi ovunque su e giù per lo Stivale…

    Insomma un gregge de pecoroni dove prima c’erano solo l’Agnelli, mò c’è pure El-Kan… Je manca il pecoraro ma quello è esclusiva della lazzie…

    Okkio che presto arrivi la Lupa e se li pappa tutti quanti!!!
    DAJEROMADAJE!!! S E M P R E E S O L O F O R Z A R O M A

    Comment di Luis — 19 Agosto 2012 @ 13:48
  3. Bello, bello, tutto bello in questo sito, anche perchè ci scrivono persone come ‘svardo e Luis!

    Comment di letizia — 19 Agosto 2012 @ 16:51
  4. Grandissimo Luis!
    E grandissimo Stefano: questo sonetto è di una bellezza rara…
    Stasera tutti a salutare Sdengo! Alla faccia della crisi e di El-kan), mi sono preso un biglietto teverino.
    Rubentus? NO GRAZIE

    Comment di Pablo BigHorn — 19 Agosto 2012 @ 18:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>