Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

21 agosto 2012

‘Na sera a Garbatella

‘Na sera a Garbatella

***

Si vòi gustatte senza ghirigori,

piatti romani e beve a garganella,

fatte un giretto pe la Garbatella,

ch’è come magnà a casa, annanno fori.

 ***

È er mejo posto ’ndò ce se stornella,

chitare che arintoneno li cori.

e nun ce sò poracci, né signori,

ma solo gente alegra in comunella.

 ***

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,

li sartimbocca o un piatto de facioli,

er tonnarello cacio e pepe è un rito.

 ***

Senza tovaja e senza tovajoli,

su un tavolo ch’è appena ripulito,

ma come magni qui, manco a Parioli.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Ammazza ao’ Ste’…la poesia è bella, ma ”come magni qui’ manco ai Parioli” me fa sta’ male!!!!! E allora al Mascherone???? Uffa , ecco, mo me so’ offesa!=(((((

    Comment by Stefania al mascherone — 21 agosto 2012 @ 09:14
  2. Aoh, ando’ sta sto posticino? E’ bono pe’ ‘na cenetta der blogghe? Epperò nun dichi quanto sòla er conto.

    Er penziero der giorno: “Daniele De Ro…ma.”
    Ok, dice che la Roma ha rifiutato l’offerta de circa 4o mln, però è da senti’ quello che dice DDR de fronte a 9 mln annui.

    Comment by 'svardo — 21 agosto 2012 @ 09:16
  3. Ok andiamo a cena tutti insieme…NON AI PARIOLI PERO’

    Comment by principessa — 22 agosto 2012 @ 14:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>