Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Novembre 2017

Datte da fà

Datte da fà

***

Pure quanno che gira tutto storto

e nun te riesce de trovà l’uscita,

ricordete che ciài solo ‘sta vita,

 ner caso mai nun te ne fussi accorto.

***

Sei solo tu, fin’a la bonuscita,

(ché dopo è un po’ più tosta si sei morto),

che pòi gestilla, faje cambià vórto,

fà un’artra strada, che nun sia in salita.

***

La forza ce l’hai tu, tutta in te stesso,

è er caso solo che la tiri fòri,

pòi fàllo quanno vòi,  fuss’anche adesso.

***

Nun aspettà ch’er tempo te la sfiori

o de svejatte sotto a quer cipresso

che te fa ombra giusto quanno mori.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Pure quanno che gira tutto storto
    e nun te riesce de trovà l’uscita,
    ricordete che ciài solo ‘sta vita,
    ner caso mai nun te ne fussi accorto. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 Novembre 2017 @ 17:27
  2. Ogni istante è un dono di Dio ed è tempo da impiegare al meglio perché non tornerà più. Non sprechiamo il nostro tempo lamentandoci, incazzandoci e amareggiandoci continuamente, la vita è un mozzico, godiamola appieno e riempiamola di gioia!

    Comment by Silvio — 17 Novembre 2017 @ 08:55
  3. La Poesia è bellissima e anche il commento di Silvio, che mi trova pienamente d’accordo! che dire di più? Viva la Vita, ringraziamo Dio che ce l’ha concessa e viviamola al meglio!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 17 Novembre 2017 @ 12:07
  4. Sonetto perfetto pe me, si propio su misura. Da mo che me so’ accorto d’avecce solo ‘na vita e è pe’ questo che ce arranco appresso, cercanno de nun fermsmme mai. So’ nato quanno vigeva er detto:”Chi se ferma è perduto”; e pure mo’ che st’accidenti ar governo, me stanno a leva’ pure er valore d’a penzione, m’aresta solo da moveme co’ fatica, ma m’ho da move’. Me sa che quer Padre ‘gni tanto se distrae.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 17 Novembre 2017 @ 16:31
  5. Er sensato commento de Sirvio, contrasta co’ l’esse’ romanisti; quanno mai se pò sta’ senza amareggiacie o incazzacie? Purtroppo, quella d’esse’ romanista, è pure ‘na scerta de vita.

    Comment by Romamor AsR'29 — 17 Novembre 2017 @ 16:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>