Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Maggio 2013

Che palle: è lunedì

Che palle: è lunedì

***

Me devo da ripete un’artra vorta,

ma nun so’ io è lui che se presenta

‘gni sette giorni e sempre me tormenta

ce l’ho cor lunedì, giornata storta.

***

Potrebbe arivenì uno ‘gni trenta,

la settimana nun sarà sconvorta

anche si è un tantinello un po’ più corta,

pazzienza, ce sarà chi s’accontenta.

***

Ma tanto ce lo so che ‘sta parola,

aresterà pe sempre inascortata

 e quinni l’aricaccio ne la gola.

***

Sona la sveja, a lei e chi l’ha inventata

je ce vorebbe una vita sola

fatta de lunedì a ‘gni giornata.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. L’ultima terzina svela tutto: è la sveglia la più intima amica del lunedi!!!

    Comment di Silvio — 13 Maggio 2013 @ 11:27
  2. certo che il lunedì lo odi proprio!

    Comment di letizia — 13 Maggio 2013 @ 13:08
  3. Vabbè che “ripetita juventa” (come dice Lotirchio, sommo latinista. Perché nun è rimasto a queli tempi?)

    Comment di RomamoR AsR '929 — 13 Maggio 2013 @ 13:34
  4. Ops, me s’è spezzato er poste. ….. prosegue ……. però ce vedo un discreto mijoramento, ne la stesura de sonetto. Cmq è ormai assodato che la còrpa nun è tua, Ste’, ma de chi ha ‘nventato ‘a sveja.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 13 Maggio 2013 @ 13:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>