Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 Novembre 2016

Novembre a Roma

Tags: , , ,

novembre

Novembre a Roma

 ***

È er mese de li santi e de li morti,

de le castagne e der vino novello,

de quanno che t’accoppi co l’ombrello,

mentre li giorni sò sempre più corti.

 ***

Le foje a tera a faje da mantello,

a l’angoli de Roma e a coprì torti,

der griggio de l’Autunno che l’ha avvorti,

de un tempo che poi piove, si mò è bello.

*** 

Callarostari a riscallà er passeggio,

la voja zero de ‘nfilà majoni,

stormi de storni, inzù, pronti a fà sfreggio.

 ***

L’abbraccio stretto a li termosifoni,

er fumo de comignoli a sorteggio,

 pe sluccicà lo sguardo a li barboni…

 ***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Poetico. Uno tra i sonetti recenti che più mi è piaciuto. Il brusco cambio climatico romano di novembre è sempre traumatico: si piomba improvvisamente dal tepore delle ottobrate al buio presto dell’ora solare, ai viali alberati che si tingono di color ruggine, all’orizzonte uggioso, al cappotto pesante, al malinconico ombrello. Da questo preciso momento si imbocca quel tunnel che ci porterà ai più movimentati giorni delle festività natalizie.

    Comment by Silvio — 4 Novembre 2009 @ 12:12
  2. caro Stefano con questo sonetto hai dipinto un quadro: è bellissimo e pervaso da una dolce tristezza. Ciao

    Comment by letizia — 4 Novembre 2009 @ 14:27
  3. Bello, è dolce e malinconico al…punto giusto.
    Stefano da una pennellata di poesia alle nostre giornate.
    Fede

    Comment by Federica_Perla — 5 Novembre 2009 @ 11:50
  4. È er mese de li santi e de li morti,
    de le castagne e der vino novello,
    de quanno che t’accoppi co l’ombrello,
    mentre li giorni sò sempre più corti. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Novembre 2016 @ 08:34
  5. Bon pranzo novembrino. Ve sete fatti ‘na minestra de “riso e ‘ndivia”? Bòna. Magara cor clima de sti tempi nun serve che sia calla, ma è bòna pure fredda o tiepida.
    Novembre me mette ‘na malinconia che levete. Poi specie questo der 2016, co li teremoti e diluvì, me dà da penza’ pe’ primi a quelli rimasti senza tetto e chissà se lo riavranno; a le strade de Roma che, “pentastellati” o no, nunn s’ariesce ma a avelle pulite da le foje che attappeno i tombini e formeno laghi e fiumi. Ce sarebbe da fasse ‘n pò de callalesse o callaroste, ma le castagne costeno ‘na cifra. Che vò da di’, a me sto mese mette tanta ….. noia!
    Bon proseguimento de giornata.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 3 Novembre 2016 @ 12:40
  6. E’ un sonetto bellissimo e pieno di malinconia. Quando ero piccola il mese di Novembre mi piaceva tanto, perché si avvicinava il Natale! Ma oggi non è più come allora.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 3 Novembre 2016 @ 12:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>