Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

15 giugno 2013

Mejo ‘mbriachi che ‘nfami

Mejo ‘mbriachi che ‘nfami

Dedicata agli amici della Frasca di via Brunetti 

***

Me mancherà e pure de parecchio

la già Fraschetteria de via Brunetti,

che chiude la seranna e li balletti,

finiti tutti quanti in fonno ar secchio.

***

Li piatti boni e li manicaretti,

che me magnavo come a casa, a specchio,

e che me ce penzavo de fà vecchio,

nun li potrò cità in artri sonetti.

***

Ma c’è ‘na cosa in tutta ‘sta bruttura,

che nun me costa manco mezzo sòrdo,

e nun conosce fine, né misura.

***

E nun c’è omo, manco er più balordo,

che la potrà mai cancellà e che dura

ner fonno più immortale de un ricordo.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Tipici piatti romani, alcuni rivisitati, e tutti buonissimi!

    Comment by letizia — 15 giugno 2013 @ 10:46
  2. Ce so’ ito quarche vòrta anni fa; ber posticino caratteri9stico e de bòna cucina. Peccato che sti posti stanno a chiude e,com’ar solito, veranno arimpiazzati da li ristoranti esotici che s’ariempiranno de gente ‘n cerca de novità.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 15 giugno 2013 @ 16:36
  3. http://www.repubblica.it/economia/2013/06/15/news/chiudono_bar_negozi_e_ristoranti_cos_la_crisi_desertifica_le_citt-61135753/?ref=HREC1-10

    Comment by Pablo BigHorn — 15 giugno 2013 @ 17:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>