Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Giugno 2016

Dar Vangelo der giorno: “la peccatrice”

Dar Vangelo der giorno: “la peccatrice”

***

Gesù cenava un dì da un fariseo,

‘na peccatrice, che seppe ‘sto fatto,

annò anche lei e in modo quatto quatto,

je se gettò a li piedi in piagnisteo.

***

Er fariseo se disse … questo è matto,

ma che nun ce lo sa, (nun è un giudeo?),

che questa è ‘na sguardrina da trofeo,

se fa bacià li piedi e avé un contatto.

***

Gesù, che già sapeva ‘sto penziero,

je disse: “Sai Simo’, qual è er discorzo?

‘Sta donna, dimme tu si nun è vero …

***

… da quanno so’ arivato m’ha rincorzo,

mostrannome un amor puro e sincero:

Io je perdono tutto pe ‘sto sforzo!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. BELLISSIMO! Grazie Stefano: ci ricordi il vangelo del giorno.

    Comment di letizia — 16 Giugno 2013 @ 10:27
  2. Papa Francesco I° ‘o ricorda sempre che Dio, ne la SS.ma Trinità, ascorta ‘a preghiera de chi, pentito, chiede perdono.
    Purtroppo l’omo, ‘nteso come umanità tutta, è debole e, spesso, c’aricasca.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Giugno 2013 @ 12:38
  3. Gesù cenava un dì da un fariseo,
    ‘na peccatrice, che seppe ‘sto fatto,
    annò anche lei e in modo quatto quatto,
    je se gettò a li piedi in piagnisteo. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Giugno 2016 @ 06:54
  4. Gesù, che ci ama, ci perdona sempre tutto, basta essere sinceramente pentiti del male fatto!
    Buona Domenica!

    Comment di letizia — 12 Giugno 2016 @ 11:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>