Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 giugno 2013

Tutti ar mare

Tutti ar mare

***

Ne li “uichend” de giugno scatta er rito,

d’annà a sparmasse tutti su la spiaggia,

pe fà la cosa ancora assai più gaggia,

s’ha da passà ner traffico infinito.

*** 

Dopo tre ore in fila se smiraggia,

er tuo stabbilimento preferito,

che ’gni anno, sempre più, t’ha ’mpoverito,

a forza de bijetti da bambaggia.

*** 

Arivi e pe piazzà telo e lettino,

e stennete a pijà un dito de sole,

te devi trasformà in Mago Merlino.

*** 

E appena sei riuscito, più a parole,

a mettete sdrajato, lì supino,

sogni er ritorno a casa, si Dio vole!

***

Stefano Agostino

_______________________

  1. Per fortuna che da quando abito vicino al mare, non ho più questo problema.

    Comment by letizia — 22 giugno 2013 @ 10:38
  2. Veramente, anche se sto a 9 Km. dar mare, X° Municipio ex XIII°, so’armeno 3 anni che nun lo vedo. Mbeh che propio nun lo vedo è esaggerato, lo vedo ‘n lontananza d’a terazza d’a palazzina ando abbito. A di’ la verità nun so’ stato mai tanto amante de sdrajamme a coceme ar sole. Me piace la collina o mezza montagna, ma allora camminavo spedito e ‘nvece mo…..

    Comment by 'svardoASR'29 — 22 giugno 2013 @ 14:23
  3. STEFANO, COMUNQUE SE VIENI A LATINA UN PO’ DI SPAZIO TE LO LASCIAMO, BELLISSIMO ANCHE QUESTO SONETTO

    Comment by LAURA CUGINI — 23 giugno 2013 @ 18:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>