Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Luglio 2013

‘Gni novo giorno

‘Gni novo giorno

***

Me piace la matina p’er penziero

che quanno m’arzo in piedi è un giorno novo,

armeno questo è quello che io provo,

‘gni vorta cor risvejo mattignero.

***

Ner sole che arisorge io ce trovo,

quela seconna “chance”, che a dì er vero,

nun è un ricomincià sempre da zero,

ma stimolo pe dì … io ce riprovo.

***

Senza pe questo cancellà er passato,

ma datosi che nun pò fà ritorno,

che male c’è a lassallo accantonato.

***

È un modo pe levasse un po’ de torno,

 quer che nun va, eppoi si avrò toppato,

domani, beh se sa, è un artro giorno.

***

Stefano Agostino

__________________

  1. Bellissimo! Ogni mattina al sorgere del sole ricomincia la vita!

    Comment di letizia — 16 Luglio 2013 @ 08:51
  2. C’è da riflette’ su sto sonetto: ‘gni matina è n’antro giorno; sarebbe com’a di’: ‘n giorno tira l’artro. Cosi’ passeno le settimane, li mesi e passeno l’anni e a la fine t’afccorgi è er momento de fa’ er riassunto de quello ch’hai fatto e nun fatto.
    Er raggiungimento de l’ammucchiata de l’anni te porta a riveveli com un firme ar rallentatore e te domanni: ma che c…o ho fatto? Ho studiato, lavorato, messo famija e procreato, che d’è de eccezzionale? Gniente. Ok, me so’ pure divertito, ma quella è cosa passata; m’hai da di’ che c’hai adesso: ricordi, ricordi e ricordi …….e meno male!!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Luglio 2013 @ 09:24
  3. La vita è un eterno presente!

    Comment di Silvio — 16 Luglio 2013 @ 17:11
  4. E DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO by Rossella O’Hara

    Comment di principessa — 19 Luglio 2013 @ 21:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>