Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

25 Luglio 2018

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

 ***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

 ***

Adoro ’sta città, immenza, eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita sempre attiva, ’na cisterna.

 ***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

______________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: A Roma mia

***

******

  1. ROMA!!! Te vonno fa aridiventà come’eri ne l’antichità, divisa tra er centro e la Suburra. Si, ‘a nòva Suburra, formata da le periferie, dimenticate da tutti e’nzedppate d’accampamenti de “stanziali” nomadi. La differenza è che, allora li lestofanti veniveno condannati a combatte’ ar Colosseo, ner mentre oggi li rilascieno libberi de continuà a rubba’.

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Agosto 2013 @ 08:55
  2. Fa sempre piacere rileggere questo sonetto così bello!

    Comment by letizia — 12 Agosto 2013 @ 11:16
  3. Il mio sonetto preferito! Un inno alla nostra bella città! Grazie Stefano!

    Comment by rossella barone — 28 Febbraio 2014 @ 10:11
  4. Adoro ’sta città de campanili,
    de tetti, case, cupole e mattoni,
    de strade strette, vicoli e portoni,
    de monumenti, vie, piazze e cortili. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Aprile 2017 @ 09:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>