Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Ottobre 2020

Er re de le sette note

Er re de le sette note

***

Un tizzio a un artro domannò cortese:

“Tu sai chi è er mago de le sette note?”

E quello co le mano su le gote,

ce penzò un po’, ma nulla je s’accese.

 ***

“Nun so’ Bi-bip e tu nun sei er coyote,

e p’evità che qui ce stamo un mese,

mó te lo dico io”. L’artro s’arese:

“Chi è?” – “Er farzario. Segna e fanne dote”.

 ***

L’artro arimase a chiedese dubbioso

che stava a dì, eppoi sbottò: “Compare,

m’hai da spiegà er motivo, so’ curioso”.

 ***

E quello, co un soriso circolare,

je disse ch’er farzario è melodioso,

perché, se sa, FA  SOL-DO  SI-MI-LA-RE.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Ciao Stefano, sei troppo forte: questa è proprio bella!

    Comment by letizia — 14 Agosto 2013 @ 10:24
  2. Certo ch’hanno da esse’ dei bòni compositori, però se li beccheno je fanno: cantrappunto e controcanto.

    Comment by 'svardoASR'29 — 14 Agosto 2013 @ 10:49
  3. GRANDIOSO!!! Mi hai fatto tornare alla mente i giochi di parole, palindromi, anagrammi proposti da noi tutti e che avevi raccolto in una sezione del sito. Ma c’è ancora da qualche parte?

    Comment by Pablo BigHorn — 14 Agosto 2013 @ 12:09
  4. FA SOLDO SIMILARE == LO MALEDIRA’ FISSO == SFALDIAMO IL RESO == LO SFALDAI, MISERO == SOLO RIME SFALDAI

    Comment by Pablo BigHorn — 14 Agosto 2013 @ 12:24
  5. Certo che c’è; è alla voce: Giochi di parole.

    Comment by 'svardoASR'29 — 14 Agosto 2013 @ 12:26
  6. Un tizzio a un artro domannò cortese:
    “Tu sai chi è er mago de le sette note?”
    E quello co le mano su le gote,
    ce penzò un po’, ma nulla je s’accese. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Luglio 2016 @ 08:31
  7. Ma è proprio melodioso questo sonetto!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 18 Luglio 2016 @ 10:46
  8. Bongiorno a tutti. Simpatico sonetto; fa diventa’ simpatico pure er farsario. Chissà se Totò conosceva sta rima|?
    …..
    In quanto ar penziero der giorno, mbeh …… nun te ne perdi una.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 18 Luglio 2016 @ 12:26
  9. Bravo Stè, il sonetto di oggi sembra una filastrocca scioglilingua!

    Comment by Silvio — 6 Ottobre 2020 @ 09:36
  10. Caro Stefano, il tuo cervello è come un vulcano che ribolle e rilascia la lava dei tuoi pensieri! Bravo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 Ottobre 2020 @ 10:48
  11. Grandioso!!!

    Comment by Pablo BigHorn — 6 Ottobre 2020 @ 11:19
  12. Grazie a tutti

    Comment by Stefano — 6 Ottobre 2020 @ 16:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>