Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2013

Saggezza arcolica

Saggezza arcolica

***

Diceva: “Si va, va, sinnò ’sti cazzi!”

Quanta morale dentro a ’sta battuta,

filosofia de vita ch’ha vissuta,

sotto a li ponti e mai dentr’a palazzi.

 ***

Da tutti era perzona conosciuta,

pe un matto e un ubbriacone che, a sprazzi,

lui arternava a sbronze e a li schiamazzi,

momenti certi de saggezza arguta.

 ***

Ar punto che nun era manco raro,

vedello barcollà pure a distanza,

birozza in mano e lui: “Piacere, Arvaro”.

 ***

E cor bicchiere usava la creanza,

de faccese la doccia eppoi dì, amaro:

“Nun pò godé sortanto che la panza!”

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Nun m’è capitato de conoscelo. Chissà pe quale motivo s’è abbrutito così? Purtroppo ce ne so’ tanti, pure gente ‘struita e intelligente, che nun ha retto a quarche travèrsìa che j’è capitata.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Agosto 2013 @ 11:15
  2. Ma è una persona che hai conosciuto?
    Brutta cosa esagerare nei vizi!
    Sempre FORZA ROMA!

    Comment di letizia — 16 Agosto 2013 @ 11:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>