Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Ottobre 2016

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

***

“Da un giudice, che nun temeva Dio,

un giorno annò ‘na vedova, in mestizzia,

a chiede un intervento de giustizzia,

e quello disse  – qua decido io! –

***

La vedova … ve do ‘sta gran notizzia …

nun se stancò der primo secco “addio”,

e aripeté quela richiesta a invio,

finché l’accontentò co ‘na perizzia”.

***

Si un giudice così, pe l’inzistenza,

accorze prima o dopo ‘na richiesta,

sai che pò fà Iddio a chi, in coscènza, …

***

… co gran fervore, da matina a sera,

nun molla, nun se stanca e nun protesta,

de chiede e chiede, dentr’a ‘na preghiera”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Bongiorno. Certo, ce vò costanza, cosa che manca a me e a la maggioranza.
    Dice: “Bussa e te sarà operto”; busso, ma se vede ch’è occupato a risponne su l’antre linee.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Ottobre 2013 @ 09:27
  2. Buona domenica a tutti.
    Bellissimi versi! Bisogna pregare col cuore per ottenere, ma non sempre quello che noi chiediamo è quello che va bene per noi: Il Signore ha le Sue vie, che non sempre coincidono con le nostre!

    Comment di letizia — 20 Ottobre 2013 @ 13:48
  3. “Da un giudice, che nun temeva Dio,
    un giorno annò ‘na vedova, in mestizzia,
    a chiede un intervento de giustizzia,
    e quello disse – qua decido io! – … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Ottobre 2016 @ 07:06
  4. Questo Vangelo ci esorta a pregare senza stancarci, perché, prima o poi in un modo che non ci aspettiamo, il Signore ci esaudirà!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 16 Ottobre 2016 @ 13:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>