Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 luglio 2018

Er “vaffa”

Er “vaffa”

***

“Te ciànno mai mannato a quer paese”,

come cantava er mitico Arbertone,

pe ammorbidì parecchio l’espressione,

che s’usa tra dinamiche più accese.

***

E l’usa tutta quanta ‘sta Nazzione,

un VAFFA nun cià origgini contese,

né IGT, né DOP, né mai pretese

de provenienza da quarche Reggione.

***

Un VAFFA si è de còre già antistressa

più mejo de qualunque palliativo,  

de dì quarch’artra cosa a lui connessa.

***

Un VAFFA nun è mai così cattivo,

co ‘na potenza che resta la stessa,

pe un viaggio che nun è ripetitivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. “Te ciànno mai mannato a quer paese”,
    come cantava er mitico Arbertone,
    pe ammorbidì parecchio l’espressione,
    che s’usa tra dinamiche più accese. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 luglio 2018 @ 00:20
  2. Er “VAFFA” va ‘nterpretato seconno er contesto ‘ndove vie’ pronunciato. Lo pòi di’ offensivo, si sei ‘ncacchiato co’ quarcuno e allora pò esse’ lite. Lo pòi di’ pure ridenno, ‘n risposta a quarche cavolata detta da ‘n’amico. Cmq è sempre liberatorio.

    Comment by 'svardo — 13 luglio 2018 @ 07:23
  3. Questa espressione colorita non è quasi mai aggressiva e offensiva, il più delle volte è liberatoria, scanzonata, ironica. Insomma è più un intercalare spiritoso che una manifestazione di ostilità.

    Comment by Silvio — 13 luglio 2018 @ 09:56
  4. Un VAFFA scarica la tensione accumulata durante una lite e finisce con una risata, almeno a Roma!
    Buona Giornata e buon Vaffa affettuoso a tutti!

    Comment by maria letizia — 13 luglio 2018 @ 10:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>