Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Novembre 2013

La “Misericordina”

La “Misericordina”

***

‘Sto Papa è ‘na continua meravija,

più se conosce e più è ‘na conquista,

ché mó s’è messo a fà “er farmacista”,

ne l’Angelus, da arzà le sopraccija.

***

‘Na cosa che nun s’era ancora vista,

un Papa che prescrive a ‘gni famija,

ar fine che ciascuno se la pija,

‘na medicina, in soluzzione mista.

***

È in granelli tutti intracordiali

da assume da la sera a la matina

senza posologgie pre e post-prandiali.

***

Fa bene ar còre, è fatta a coroncina,

cinquantanove grani assai speciali,

da recità, la “Misericordina”.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Grande uomo e grande Papa questo Bergoglio: la strada da lui indicata va però percorsa con le proprie gambe, per ottenere misericordia e perdono dev’esserci reale pentimento e redenzione!

    Comment by Silvio — 18 Novembre 2013 @ 10:31
  2. Bello il sonetto!
    Il Papa ha sempre parole di speranza e di misericordia! Affidiamoci a Dio, noi siamo suoi e nessuno e niente potrà mai strapparci dalle Sue Mani Sante.

    Comment by letizia — 18 Novembre 2013 @ 12:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>