Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Dicembre 2016

Dar Vangelo der giorno: “er sogno de Giuseppe”

Dar Vangelo der giorno: “er sogno de Giuseppe”

***

Quanno Giuseppe seppe da Maria,

rimasta incinta, e mica de cicogno,

penzò tra sé, ancora che l’agogno,

nun la condanno, ma la manno via.

***

E fu così che poi j’apparze in sogno,

un Angelo che disse: “La Reggìa,

der Fìo che sta pe nasce da ‘sta Fìa,

è Dio che cià in disegno ‘sto bisogno”.

***

E la matina dopo, arisvejato,

Giuseppe fece come aveva detto

la notte stessa l’Angelo sognato.

***

E accórze in casa er Fiore più perfetto,

la Mamma de Gesù Bambino, nato,

pe dà la luce ar monno e fàllo eletto.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Spiegato, in versi molto belli, il Vangelo del giorno. Io penso che a Papa Francesco farebbe piacere leggere i tuoi sonetti sul Vangelo: perché non glieli mandi?

    Buona Domenica a tutti (e speriamo che sia veramente buona)!

    Comment di letizia — 22 Dicembre 2013 @ 12:44
  2. Quanno Giuseppe seppe da Maria,
    rimasta incinta, e mica de cicogno,
    penzò tra sé, ancora che l’agogno,
    nun la condanno, ma la manno via. (continua)

    Comment di Stefano — 18 Dicembre 2016 @ 08:02
  3. I sonetti sul Vangelo sono uno più bello dell’altro: sarebbe buona cosa riunirli in un libro!
    Buona Domenica!

    Comment di letizia — 18 Dicembre 2016 @ 10:55
  4. Buon preanzo. Un bel sonetto sintetizzante il Santo Vangelo del giorno IV d’Avvento.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 18 Dicembre 2016 @ 12:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>