Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Febbraio 2014

‘Ndò finiremo

‘Ndò finiremo

***

‘Ndò finiremo a seguità ‘sto passo?

Nun ce sta più un’anticchia de valore,

e si a ‘sto monno marcio c’è un motore

è “viva er sòrdo” e tutto er resto è “abbasso”.

***

Chissenefrega de stà qui a discore

 de onestà e de pulizzia in ribbasso,

conta er guadambio, tutto er resto è scasso,

ma quale dignità, ma quale onore.

***

Educazzione, civirtà e rispetto,

nun serveno a aricchisse, e a aprì l’orecchio

nimmanco la bontà e ‘gni artro affetto.

***

Fin quanno Dio se rompe e de parecchio

 de l’omo che n’ha fatto un gabbinetto,

smorza ‘sto monno e bonanotte ar secchio.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. ‘Ndò finiremo a seguità ‘sto passo?
    Nun ce sta più un’anticchia de valore,
    e si a ‘sto monno marcio c’è un motore
    è “viva er sòrdo” e tutto er resto è “abbasso”. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Febbraio 2014 @ 08:29
  2. La logica del profitto, quella della volgare materialità sovrasta ogni valore etico e civile. L’uomo, povero illuso, pensa di essere dominatore e padrone di questo sistema perverso quando invece non ne è altro che vittima! Ricordiamoci che il mondo pemette tutto ma non perdona nulla, mentre Dio permette quasi tutto e perdona sempre!

    Comment by Silvio — 18 Febbraio 2014 @ 09:50
  3. Bellissimi questi versi! Ma quale mondo e quale dignità pensiamo di lasciare ai nostri figli, se l’unica cosa che conta è l’arricchimento a danno degli altri!

    Comment by letizia — 18 Febbraio 2014 @ 11:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>