Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Ottobre 2016

Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

***

Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,

si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,

penzo a Giovanni Paolo Seconno,

perdoname Francesco, senza offesa.

 ***

Er fatto è che ’sta goccia giù giù in fonno,

a tocchi a tocchi, lentamente è scesa,

m’è entrata dentro fino a famme presa,

toccannome ner centro der profonno.

 ***

E nun me scordo certo quer soriso,

tra acciacchi, guai, penzieri, danni e pene,

pe sempre acceso a illuminaje er viso.

 ***

Più de Natali e più d’Urtime Cene,

pe me ’na frase vale er Paradiso:

“SEMO ROMANI, VOLEMOSE BENE!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,
    si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,
    penzo a Giovanni Paolo Seconno,
    perdoname Francesco, senza offesa. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Aprile 2014 @ 07:15
  2. Un dolce ricordo di un uomo straodinario, un fratello che ha camminato vicino a noi più di un quarto di secolo, al quale ci siamo affezionati così tanto che ancora continuiamo a volergli bene!

    Comment di Silvio — 2 Aprile 2014 @ 08:22
  3. Grande e vero Papa, Giovanni Paolo II°. Se pò di’ che s’è veramente caricato ‘a Croce de Cristo e l’ha portata, tra tante sofferenze, fino alla fine.
    INDIMENTICABILE.

    Comment di 'svardoASR'29 — 2 Aprile 2014 @ 08:48
  4. Bellissimi versi per un grande indimenticabile Uomo!

    Comment di letizia — 2 Aprile 2014 @ 19:34
  5. Un grande Uomo e con quella frase ci ha conquistato!
    Buon sabato!

    Comment di letizia — 22 Ottobre 2016 @ 10:34
  6. Grandissimo Papa, l’ho amato e lo amo ancora tanto!!!!

    Comment di laura — 22 Ottobre 2016 @ 12:59
  7. Ner secolo passato e ‘n quello corente, solo du’ Papa hanno fatto raccorto: Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II; me dispiace pe’quello de mo, che pareva potesse er terzo, ma nun m’ariesce de capi’ ando’ vo’ ariva’. Si, pò esse’ che vo’ conferma’ che ‘n fonno semo tutti fratelli e fiji de ‘n’unico Dio. Scusateme er raffronto, ma me pare che ‘n mezzo ce so’ pure tanti fiji de ….. mammignota, che pare vengheno aquì ma vanno allà, cor desiderio de facce cambia’ paternità.
    Ok abbraccemose tutti ner Cristo Sarvatore. Amen.

    Comment di Romamor AsR29 — 22 Ottobre 2016 @ 15:54
  8. Penso che i commenti a questo sonetto, dicano tutto circa l’amore lasciato da Giovanni Paolo II e non posso che associarmi a quanto scritto da “Romamor”, oggi ancora più d’attualità.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 22 Ottobre 2017 @ 10:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>