Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Aprile 2017

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

***

Gesù seppe de Lazzaro ammalato,

e grave ar punto d’èsse moribbonno,

tornò da le sorelle in un seconno,

da Marta e da Maria, ‘nd’era già stato.

***

Quanno arivò là Lazzaro ner “sonno”,

s’era addormito e mai più risvejato,

le du’ sorelle dissero: “Peccato,

si c’eri Tu, lui stava ancora ar monno”.

***

Gesù je disse allora: “Si credete

ch’Io so’ la vita e la risurezzione,

anche da morti, voi, nun morirete”.

***

Fece toje la pietra da l’avello,

e ordinò a Lazzaro l’azzione,

de uscì de fòra e così fece quello.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Gesù seppe de Lazzaro ammalato,
    e grave ar punto d’èsse moribbonno,
    tornò da le sorelle in un seconno,
    da Marta e da Maria, ‘nd’era già stato. …(continua)

    Comment di Stefano — 6 Aprile 2014 @ 06:12
  2. Nulla è impossibile a Dio!

    Comment di letizia — 6 Aprile 2014 @ 18:34
  3. Bon giorno e bòna domenica V° de Quaresima.
    Semo tutti, più o meno, ‘n pò Lazzaro: morti n’a fede. Se cercamo de sveja’ quer poco de fede arimasta, potemo sperà n’a vita der dopo.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 2 Aprile 2017 @ 10:04
  4. Gesù fa un miracolo eclatante: risuscita Lazzaro morto da quattro giorni “…e molti credettero in Lui…”! I miracoli accadono tutti i giorni, ma noi siamo ciechi e non li vediamo.
    Buona Domenica!

    Comment di letizia — 2 Aprile 2017 @ 10:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>