Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 Aprile 2014

Ma nun se pò morì a 14 anni

Ma nun se pò morì a 14 anni

***

Come se pò morì a 14 anni?

Che nun è mai suicidio a daje un nome,

chi ha spinto Aurora cià un nome e cognome,

e occhi d’assassino e mani e panni.

***

L’istigazzione a ‘sto suicidio, eccome,

de chi j’ha scritto frasi, senza banni,

su un sito scannaloso e che fa danni,

cià l’omicidio già pe soprannome.

***

In de ‘na società pe cui “bellezza”

riveste l’importanza de un valore,

de che se lamentamo? Che amarezza.

***

Mó splennerai Lassù, in braccio ar Signore,

e a te quer volo in giù da quel’artezza,

nun te darà ricordo, né dolore. 

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Come se pò morì a 14 anni?
    Che nun è mai suicidio a daje un nome,
    chi ha spinto Aurora cià un nome e cognome,
    e occhi d’assassino e mani e panni. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Aprile 2014 @ 07:05
  2. Che tristezza ragazzi! Ma solo chi ha figli può comprendere fino in fondo il dolore di un genitore…

    Comment by Silvio — 17 Aprile 2014 @ 07:48
  3. Povera Aurora! R.i.P.

    Comment by letizia — 17 Aprile 2014 @ 16:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>