Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Maggio 2017

Mamma

Mamma

***

Ce n’ha bisogno anch’er Signore Iddio,

de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

a accarezzà quarziasi fotogramma,

si n’abbisogna Lui, penza un po’ io.

 ***

Sarò mammone, nun me pare un dramma,

e si è un probblema, è un probblemaccio mio,

nun ce sò scòle su com’èsse fìo,

né libbri da studià co ’sto programma.

 ***

Da quanno m’ha ospitato ner panzone,

nun m’ha lassato mai, manco un seconno,

senza legamme a lei, come in priggione.

 ***

Quello che intenno è tanto più profonno,

sta ner soriso giusto a ’gni occasione,

quanno sto in cima e quanno in culo ar monno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Ce n’ha bisogno anch’er Signore Iddio,
    de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,
    a accarezzà qualunque fotogramma,
    si n’abbisogna Lui, penza un po’ io. … (continua)

    Comment di Stefano — 10 Maggio 2015 @ 07:04
  2. E’ bello avere una Mamma: si dice “chi ha mamma non piange” ed è proprio vero!
    Tanti auguri a tutte le Mamme.

    Comment di letizia — 10 Maggio 2015 @ 10:04
  3. Auguri a tutte le mamme del mondo e principalmente alla mamma di Stefano che ha un figlio così buono e bravo!
    Buona giornata.

    Comment di letizia — 7 Maggio 2016 @ 08:53
  4. Bongiorno, bòna domenica e …… VIVA TUTTE LE MAMME !!!

    Comment di 'svardo AsR'29 — 14 Maggio 2017 @ 10:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>