Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Giugno 2014

La sveja

La sveja

***

So’ lì pacioso e callo indentr’ar letto,

sott’a le pezze e dormo come un sasso,

quann’ecco un teremoto, ’no sconquasso,

e in de l’orecchie un trillo maledetto.

 ***

Je legherebbe ar collo er più gran masso,

pe poi frullallo in giù dar parapetto,

a chi un ber giorno s’è preso er brevetto,

de svejà er monno intero cor fracasso.

 ***

Sei senza còre e nun te faccio pena,

me pare che me so’ addormito adesso,

ma che te strilli, peggio de ’na jena?

 ***

Vorebbe èsse riccone, lo confesso,

pe nun svejamme più co ’sta sirena,

falla sonà sortanto in fonno ar cesso!

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. So’ lì pacioso e callo indentr’ar letto,
    sott’a le pezze e dormo come un sasso,
    quann’ecco un teremoto, ’no sconquasso,
    e in de l’orecchie un trillo maledetto. … (continuo)

    Comment by Stefano — 3 Giugno 2014 @ 07:01
  2. Ma dai, nun capisco perché tanto livore contro quer marchingegno, quanno, scommetto, hai reggistrato ‘a sveja pure sur martophone.

    Comment by 'svardoASR'29 — 3 Giugno 2014 @ 07:36
  3. Come ti capisco! Ho praticamente passato la vita appresso alla sveglia e ora che potrei dormire quanto voglio, mi sveglio regolarmente alle sette senza trilli!

    Comment by letizia — 3 Giugno 2014 @ 09:40
  4. La sveglia uno degli aspetti più negativi della vita, sgradevole come un debito, triste come il lunedì, fastidiosa come un raffreddore, odiosa come la lazio…

    Comment by Silvio — 3 Giugno 2014 @ 10:28
  5. Silvio grandioso

    Comment by Stefano — 3 Giugno 2014 @ 10:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>