Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Giugno 2014

L’urtimo giorno de scòla

L’urtimo giorno de scòla

***

Me l’aricordo sempre come un mito,

quanno finiva quer ber dì la  scòla,

l’urtimo giorno, pare che se vola,

dietro a le spalle un anno ch’è finito.

***

Finito, ché t’abbasta ‘sta parola,

pe zompettà felice arimpettito,

penzanno a le vacanze e a contà a dito

li giorni de riposo  a cui dà spola.

***

E ar sòno de l’amata campanella

scappà come fa un ladro o un fuggitivo,

senza er controllo de la sentinella.

***

E pe tre mesi, in der periodo estivo,

er nun dové tornà più in quela cella,

fa da bijetto pe sentitte vivo.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Me l’aricordo sempre come un mito,
    quanno finiva un ber dì la scòla,
    l’urtimo giorno, pare che se vola,
    quanno lo sai che quel’anno è finito. … (continua)

    Comment di Stefano — 11 Giugno 2014 @ 07:12
  2. Anni felici e spensierati quelli!!!

    Comment di Silvio — 11 Giugno 2014 @ 08:12
  3. Bei tempi, che forse non ho apprezzato abbastanza, perché volevo crescere: che scema!

    Comment di letizia — 11 Giugno 2014 @ 09:37
  4. Pe me so’ state parentesi felici ‘n tempi difficili. Meno male che ‘gni 9 mesi feniva ‘a scòla e orte a nun pena’ su li libbri, nun se doveva marcia’, er sabbato pomeriggio, pe le strade der quaetiere.

    Comment di 'svardoASR'29 — 11 Giugno 2014 @ 09:37
  5. Io non vedevo l’ora che finisse la scuola…

    Comment di principessa — 11 Giugno 2014 @ 14:40
  6. A proposito di periodo estivo, ma non dovevamo replicare la pizza-blog?

    Comment di principessa — 11 Giugno 2014 @ 14:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>