Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 settembre 2018

Pe fà un sonetto

Pe fà un sonetto

***

Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:

la tronca è da evità, pe poesia,

ce serve un tocco in più de fantasia,

ché in “ARE”, “ERE” e “IRE” nun fa presa.

 ***

Er participio, “ATO” o “ITO” sia,

cià più der trapassato e sa de resa,

“amore e còre”, nun dà più sorpresa,

ar punto che ce perde de maggìa.

 ***

La metrica, che serve a dettà tempi,

cià regole più lei de l’univerzo,

da nun riuscì nimmanco a favve esempi.

 ***

Ma, forma a parte, si te senti perzo,

vòi fà un sonetto che t’aggradi e riempi?

Ascorta er còre, bene, e scrivi er verzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:
    la tronca è da evità, nun fa poesia,
    ce serve un tocco in più de fantasia,
    ché in “ARE”, “ERE” e “IRE” nun fa presa. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 agosto 2014 @ 08:19
  2. Bellissimo sonetto sul sonetto. Sei un artista, Stefano. E fra gli artisti dell’endecasillabo, sei il più grande.
    Fidati 😉
    TVB

    Comment by Pablo BigHorn — 11 agosto 2014 @ 19:13
  3. Che vena!!!! Bravo!!!

    Comment by Laura Marchiò — 12 agosto 2014 @ 10:38
  4. Applausi.
    Il cuore è importante, ma il genio del Poeta è indispensabile

    Comment by Pablo BigHorn — 18 settembre 2018 @ 09:22
  5. Non è mica tanto facile scrivere un sonetto, a volte mancano non solo le parole, ma anche le idee, specialmente se lo vuoi comporre tutti i giorni! Ma tu Stefano sei proprio un Grande!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 18 settembre 2018 @ 13:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>