Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Agosto 2014

Marino e le “strisce blu”

Marino e le “strisce blu”

***

Bella penzata quella tua, Marino,

de aumentà er costo der parcheggio,

levà aggevolazzioni p’er posteggio,

che in “striscia blu” cià er costo d’oro fino.

***

Nun ce riuscivi a fà gnente de peggio,

te immaggini che razza de casino

succederà pe Roma er dì, vicino,

quanno che applicherai ‘sta norma a sfreggio.

***

E penzi che er Comune ce guadambia

a toje soste lunghe o abbonamenti?

E mó chi molla l’auto propia e cambia … 

***

… e pìa er mezzo, dimme, ‘ndò lo metti?

Su mezzi che sò già stra-pieni o assenti,

li fai accomodà sopr’a li tetti? 

***

Stefano Agostino

___________________________________

  1. Bella penzata quella tua, Marino,
    de aumentà er costo der parcheggio,
    levà aggevolazzioni p’er posteggio,
    che in “striscia blu” farai pagà d’oro fino. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Agosto 2014 @ 07:38
  2. Famose coraggio che si questo signore resiste fino a la fine de 5 anni, ancora nun avemo visto niente di quello che, con la sua incapacità voluta e sostenuta dar PD, ce potrà combina’ pe feni’ de distrugge Eoma.

    Comment by 'svardoASR'29 — 23 Agosto 2014 @ 09:51
  3. meno male che vado a piedi!
    Buon fine settimana a tutti.

    Comment by letizia — 23 Agosto 2014 @ 13:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>