Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Marzo 2015

Er mestiere più antico

Er mestiere più antico

***

Fra li mestieri, pare sia er più antico,

quello de donna addetta ar “meretricio”,

che tomo tomo, cacchio, micio micio,

cià tanti nomi, che nun v’aridico.

 ***

Due sò li modi de prestà ’st’ufficio:

quello pe strada, er più rischioso e fico

e quello a casa, tutt’incluso, amico,

da l’antipasto fino ar dentifricio.

 ***

Ma si ce vai, e nun sei mica un fesso,

sai già ch’è pe un’oretta de calore,

du’ coccole a preludio de un amplesso.

 ***

Ché un conto è er fatto de la donna a ore,

ben artro conto è quanno fa lo stesso

la zoccola che te chiamava amore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Fra li mestieri, pare sia er più antico,
    quello de donna addetta ar “meretricio”,
    che tomo tomo, cacchio, micio micio,
    cià tanti nomi, che nun v’aridico. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Marzo 2015 @ 08:02
  2. Finalmente mi siedo davanti al PC e trovo un sonetto che non commento, ma non perché non sia bello, ma perché…..
    Buon sabato a tutti!!!!

    Comment by letizia — 7 Marzo 2015 @ 16:24
  3. Giù il cappello amici miei, questo è un sonetto f a n t a s t i c o!
    Ironia, fattualità e morale, in un equilibrio endecasillabico perfetto…
    Caro Stefano, posso ribadire una cosa? Sei un Grande!

    Comment by Pablo Bighorn — 7 Marzo 2015 @ 18:09
  4. Grazie a tutti, specialmente a Pablo sempre troppo buono con me

    Comment by Stefano — 7 Marzo 2015 @ 19:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>