Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

30 Agosto 2018

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

Ar fonno tra Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de Monti,

Piazza de Spagna aspetta li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

 ***

È quer momento che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa e l’aria è fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

mó vole che quarcuno l’aricconti.

 ***

Fin ortre la fontana de Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorto a sé, tutta s’abbraccia.

 ***

Qualunque giorno sia, quarziasi data,

come la imbocchi e ch’arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Ar fonno tra Condotti e via Frattina,
    a fà li piedi a Trinità de Monti,
    Piazza de Spagna aspetta li tramonti,
    pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Luglio 2015 @ 15:58
  2. Ma va beh! staranno tutti al mare!!!!!!!!!

    Comment by letizia — 19 Agosto 2015 @ 10:34
  3. Sempre bellissimo sonetto che se pò accompagna’ co la canzone:
    “Ce sta’n’angolo de Roma che nun trovi eguale / che ner còre sta de sta gran città …..”
    “… Mo ce torno pe’ rivive li giorni che c’ho passati/ co’ la gioventù che nun torna più”
    “Ner mentre ‘a notte se staja, / su sto quadro che nun pòi scorda’/ guardi piazza de Spagna / ma ‘n cielo te pare de sta!”
    Sigh!

    Comment by 'svardo — 30 Agosto 2018 @ 08:29
  4. NESSUNA ALTRA COSA AL MONDO MAGGIOR DI ROMA

    “Ho visto gran parte del resto del mondo. È brutale, crudele, oscuro. Roma è la luce”.
    (Dal film “Il Gladiatore”)

    Comment by Silvio — 30 Agosto 2018 @ 14:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>