Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

9 agosto 2018

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

si me dài retta, prova la scoperta,

de fatte un giro in centro in pieno agosto.

 ***

’Gni strada, piazza o via da te prescerta,

a l’occhi tua te pare un artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lassa fisso a bocca aperta.

 ***

Io, spèce quann’è sera, me ce attardo,

pe riaffacciamme ar Tevere là in fonno

e me ce sperdo fisso in quelo sguardo.

 ***

M’ariempio de un orgojo in quer seconno,

mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,

p’avemme dato er mejo che c’è ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Si vòi godette Roma de nascosto,
    spizzannotela quanno ch’è deserta,
    si me dài retta, prova la scoperta,
    de fatte un giro in centro in pieno agosto. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 agosto 2015 @ 02:51
  2. Standing ovation!!!!!!!!!!!
    Buona giornata a tutti!

    Comment by letizia — 1 agosto 2015 @ 09:36
  3. Bon mese d’agosto a tutti!!! Quanno pur’io giravo pe Roma d’agosto, sta città era deserta e pulita. Mo, cor turismo e ‘a scarzezza d’€uro, è affollata e ….. zozza. Er miracolo l’hanno fatto l’antichi, costruenno quer portento de Fori, Colosseo e de tante opere che mo consideramo monumenti. L’unica modernità che sapemo mostra’ so’ li sacchetti d’a monnezza sparzi dappertutto.

    Comment by 'svardoASR'29 — 1 agosto 2015 @ 09:54
  4. Hai messo in rima (e che rima) i miei sentimenti di gioventù, quando, impavida, volutamente ritardavo il mio rientro a casa e rimanevo a girovagare in una Roma notturna deserta, la bellezza mi levava il fiato e venivo sopraffatta da gratitudine. Ora sono riconoscente a te, che con I tuoi versi risvegli amori e sapori che il tempo ha offuscato, ma mai tradito. Roma è sempre Roma mia, e non c’è America che me la faccia scordare. Grazie Stefano!

    Comment by Lorenza — 2 agosto 2015 @ 03:25
  5. Grazie a te Lorenza delle tue belle parole e benvenuta su questo sito. E lo sarai tutte le volte che dall’America di vorrai affacciare su questa virtuale finestra romana. Grazie ancora di cuore. Stefano.

    Comment by Stefano — 2 agosto 2015 @ 06:08
  6. Poetico come una canzone d’amore il sonetto, complimenti!
    E’ vero, è in queste settimane che Roma nostra ci regala il suo volto più bello!!!

    Comment by Silvio — 1 agosto 2016 @ 09:53
  7. “…mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,
    p’avemme dato er mejo che c’è ar monno”
    Ed è proprio così!!!!!
    Buon mese e buona Giornata!

    Comment by letizia — 1 agosto 2016 @ 10:09
  8. Bon giorno e … Bon mese d’Agosto. Grande sonetto che fomenta l’amore pe sta città, tanto bella e tante vòrte bistrattata. Sto mese porta ner monno tanta romanità, aricordanno l’Imperatore Augusto, ar quale fu dedicato er sesto mese de l’anno romano. Pure Luglio è portatore de romanità ner nome de Giulio Cesare.
    Purtroppo, co li tempi che coreno, ce rimane er saluto de li gladiatori: “Ave Cesare, morituri te saluteno!”

    Comment by 'svardo AsR'29 — 1 agosto 2016 @ 10:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>