Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Ottobre 2015

Ar primo venticello

Ar primo venticello

***

Ammazza si so’ fracico davero,

si m’è bastato un fresco venticello,

er primo de staggione ar campanello,

che m’ha beccato in pieno tutto intero.

***

 Si m’arzo in su dar letto già sbarello,

le forze me se sò aridotte a zero,

er pavimento pare un cimitero

de fazzoletti a l’urtimo duello.

***

E c’è er termometro che m’aripete:

“Nun me provà e lassa stà ch’è mejo,

nun m’ascellà, pure che me compete”.

***

E je do retta, tanto so er verdetto,

e visto che nun riesco a restà svejo,

mó ve saluto e m’arimetto a letto.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Ammazza si so’ fracico davero,
    si m’è bastato er fresco venticello,
    er primo de staggione ar campanello,
    che m’ha beccato in pieno tutto intero. … (continua)

    Comment di Stefano — 13 Ottobre 2015 @ 08:49
  2. Rimettiti presto Stè!!!

    Comment di Silvio — 13 Ottobre 2015 @ 10:00
  3. E’ la solita infreddatura stagionale, forza e coraggio che venerdì starai bene!

    Comment di letizia — 13 Ottobre 2015 @ 10:39
  4. Curete e cerca de fa sega er lunedì; questa è ‘a conseguenza d’essete sforzato a anna’ a lavora’ ieri: de lunedì.
    Daje, abbasta n’aspirina efferscente, ‘n succo de frutta fatto ‘n casa e tutto passa.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 13 Ottobre 2015 @ 12:43
  5. Grazie a tutti. Vi voglio bene.

    Comment di Stefano — 13 Ottobre 2015 @ 14:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>