Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Febbraio 2016

Tempo da vive

Tempo da vive

***

Nun c’è più de stà a vive ar congiuntivo

o peggio ancora ner condizzionale,

periodi ipotetici, in finale,

cor verbo vòrto ar desiderativo.

***

Parlanno mejo, e mejo dì papale,

co tanti “se” a “se fussi” a l’attivo,

co li “vorebbe”, poco c’è de vivo,

è un modo perché resti tutto uguale.

***

Ché co li “se” e li “ma” ce se fa poco,

c’è sempre quel’ostacolo davanti

che ar desiderio espresso lo fa roco.

***

Da vive c’è er presente e nun c’è scojo,

 che nun se ne va via, quanno li tanti

“vorebbe” li cambiamo in pari “vojo”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Nun c’è più de stà a vive ar congiuntivo
    o peggio ancora ner condizzionale,
    periodi ipotetici, in finale,
    cor verbo vòrto ar desiderativo. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Febbraio 2016 @ 09:54
  2. Bongiorno de adesso, cioè: vojo e nun vorebbe. C’è solo da penza’ ar presente, chè, co sti tempi, quelli che voresti, ‘n desiderio, nun sai si domani esisterà ancora. Quindi è mejo, come diceveno l’antenati nostri qui a Roma: “Carpe diem”.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 17 Febbraio 2016 @ 10:15
  3. La vita è adesso e va vissuta in un eterno presente perché ciò che non si fa ora è perso per sempre! Il tempo non perdona, il tempo è oro!!!

    Comment by Silvio — 17 Febbraio 2016 @ 10:59
  4. Volere è potere (magari non è sempre così), ma, e tutti lo sappiamo, con i sogni non ci si vive, però è bello sognare perché, anche se per poco, si esce dal grigiore quotidiano.
    Buona giornata!

    SEMPRE FORZA ROMA (anche se vincere è un sogno).

    Comment by letizia — 17 Febbraio 2016 @ 12:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>