Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Marzo 2016

Er sorcio morto ar Colosseo

Er sorcio morto ar Colosseo

***

Ar Colosseo ne la bijetteria

addietro a un angoletto bujo e corto

ciànno trovato jeri un sorcio morto,

è già notizzia, nun sto a fà la spia.

***

Ché ar penziero solo m’arivorto

lo stommico pe ‘sta gran zozzeria,

che a Roma je fa ‘na fotografia

de ‘sto momento in cui va tutto storto.

***

Ché in de li tempi antichi, ar Colosseo,

ce stava er miao-miao de quarche gatto,

de tutti er mejo era lui, Romeo.

***

Ar tempo d’oggi invece ce sta er ratto

come pe suggellà er vero torneo

a chi è più topo o zoccola ar ritratto. 

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Ar Colosseo ne la bijetteria
    addietro a un angoletto bujo e corto
    ciànno trovato jeri un sorcio morto,
    è già notizzia, nun sto a fà la spia. … (continua)

    Comment di Stefano — 3 Marzo 2016 @ 08:26
  2. Roma è diventata una colonia di topi a quattro e a due zampe.
    Buona giornata!

    Comment di letizia — 3 Marzo 2016 @ 09:08
  3. Bongiorno. Ok, sarà ‘n bongiorno pieno d’acqua: ammazza come piove.
    Er sorcio ar Colosseo? Me pare strano che faccia notizzia, dar momento che er sottosòlo de sta città è ‘n brulichio de de sti roditori. Ce ne so’ de tutte le specie e razze, da li sorcetti a le pantegane a le zoccole; dipenne da la grannezza. Purtroppo ce sta ‘n disciplinare pe li gatti, che fa diminui’, progressivamente, sta popolazzione felina.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 3 Marzo 2016 @ 09:41
  4. Purtroppo qui a Roma quando qualcosa va storta si mette il dito nella piaga per ribadire che non è solo qualche cosa ma che è tutto un disastro…

    Comment di Silvio — 3 Marzo 2016 @ 12:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>