Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Febbraio 2010

Er sonno mio

Tags: , , ,

sonno

Er sonno mio

***

Er sonno mio è ‘na narcolessia,

nun è solo ‘n sentore de cecagna,

a ‘n tratto l’occhio apparpebbra e se lagna,

a cerca’ ‘n letto, quale, purchessia.

***

La capa pesa quanto ‘na montagna,

me casca ‘n faccia a chiunque, chicchessia,

aho’, so’ nato omo, no messia,

quanno me pija er sonno, me se magna.

***

Nun c’è riparo, nun c’è arternativa,

l’unica è metteme p’orizzontale,

a guarda’ er mònno cambia’ prospettiva.

***

E ‘n quella posizzione naturale,

nun ciavrò mai chissà che inizziativa,

ma dimme tu a chi posso fa’ der male ?!?

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Veramente quanndo ti prende in quella maniera è una cosa stupenda; diventa dolce dormire e di tutto scordi. Mi piacerebbe poterlo fare come cantato nell’Arlesiana: “….anch’io vorrei dormir così, nel sonno almen l’oblio trovar….”.

    Comment by 'svardo — 15 Febbraio 2010 @ 10:25
  2. Il sonno è dei giusti. Dormire fa bene, e aggiungo anche che dormire beatamente è un gran privilegio. Chi ha angustie, preoccupazioni o dispiaceri difficilmente si gode un bel sonno. Chi è stressato, agitato, inquieto non riposa come dovrebbe. Chi ha fatto del male ed ha la coscienza sporca non dorme tranquillo. Il sonno abbraccia e coccola solo i giusti.

    Comment by Silvio — 15 Febbraio 2010 @ 11:12
  3. Grande verita’ Stefano, il sonno è sacro, e lo dico io che nn mi ricordo più tanto bene come si fà. Io sono in grado di addormentarti e di dormire ovunque…in piedi in metro, sul bus, al cinema, in ufficio…sonno così in arretrato, che nn mi recupero’ piu’.

    Comment by Federica_Perla — 15 Febbraio 2010 @ 11:26
  4. ‘Svardo, Silvio e Federica, come sempre siete carinissimi nel lasciare il vostro pensiero e nel contribuire alla crescita di questo piccolo angoletto. Grazie di cuore.

    Comment by Stefano — 15 Febbraio 2010 @ 14:00
  5. Io purtroppo stanotte ho dormito un po’ male e ho fatto un sogno piuttosto angosciante 🙁

    Comment by Principessa — 15 Febbraio 2010 @ 16:10
  6. Adesso non dire che non hai dormito perché mi hai sognasto e sei caduta dal letto. Poi, poi non sono così spaventoso. Affabilmente

    Comment by 'svardo — 15 Febbraio 2010 @ 16:35
  7. Dopo le lenzola che “accopertano”
    oggi l’occhio “apparpebra”
    e in mezzo Stefano piu’ che mai “mito” mio e dei miei figli.

    Sei un Grandissimo, the Greater, e se te lo dice “grande” corno, ci puoi credere!
    Un abraccio

    Comment by Paolo Grandecorno — 15 Febbraio 2010 @ 22:37
  8. Principessa, ‘Svardo, Grandecorno: GRAZIE DI ESSERCI

    Comment by Stefano — 16 Febbraio 2010 @ 08:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>