Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Marzo 2017

Ar Sor Luciano

Ar Sor Luciano

***

Sin da li tempi annati de Ripetta,

l’ A.V.L.P. a lo stadio inizziale,

sei stato un omo tu fonnamentale

e lo sei ancora, come a la gavetta.

***

Le S.O.A. e er loro archivio colossale,

fin’ar lavoro d’oggi in tutta fretta,

sei stato un granne a spigne la caretta,

puranche co quer neo d’èsse lazziale.

***

Pe tanti un po’ ‘no “zio” o più un fratello,

pe tutti certamente un vero Amico,

quarcosa che nun cambia ortre-tornello.

***

E  oggi qui te strigneno le mano,

colleghi e amichi tua, evvai … che fico!,

bona penzione e olé: viva Luciano!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Sin da li tempi annati de Ripetta,
    l’ A.V.L.P. a lo stadio inizziale,
    sei stato un omo tu fonnamentale
    e lo sei ancora, come a la gavetta. … (continua)

    Comment by Stefano — 31 Marzo 2017 @ 05:47
  2. Buona vita e buona pensione Luciano!!!!

    Comment by Laura — 31 Marzo 2017 @ 08:11
  3. Auguri di ogni bene Lucianone, ci mancherai!

    Comment by Silvio — 31 Marzo 2017 @ 09:22
  4. Bongiorno. Si m’è permesso, vojo fa’ ‘n’augurio de benvenuto ner monno de li penzionati; andove se pò sta pure bene, abbasta che ‘a penzione nun è da 4 sòrdi. Hai solo da supera’ li primi tempi, quanno nun te raccapezzi de come se fa a nun fa’ ‘na mazza.
    Un abbraccio de benvenuto.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 31 Marzo 2017 @ 10:04
  5. Da quando io sto in pensione lavoro più di prima! (e prima lavoravo tanto!)
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 31 Marzo 2017 @ 12:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>