Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

13 Marzo 2010

Campo Testaccio

  1. Quant’anni so’ che la sento e la canto, ma è sempre come la prima vorta. Me vengheno li brividi. Però ce manca er pezzo finale:”…….ninetta nun parla, ma cuce più ‘n fretta cor giallo e cor rosso la bella majetta” Quanti ricordi e me li scordati.

    Comment by 'svardo — 13 Marzo 2010 @ 16:51
  2. troppo bella !!!!!!!!!!!!!!!! come faccio a portarmela sul cellulare ?????????????????

    Comment by giovanni — 20 Ottobre 2011 @ 14:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>