Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Gennaio 2018

Quanno che ariva l’influenza

Quanno che ariva l’influenza

***

Comincia quann’è più un tinticarello,

lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,

man mano però brucia e la parola

s’abbassa fin’a diventà un fruscello.

***

Poi inizzi a stranutì e te conzola,

er tempo de un minuto, manco quello,

cor fazzoletto … e te ce vò l’ombrello

quanno l’EETCIU’ te parte e tutto vola.

***

Poi brividi de freddo e mar de testa,

scatta la tosse a completà er quadretto,

der virus che co te ce sta a fà festa.

***

Te doleno le ossa e pe ‘st’effetto,

la febbre te vò dì che nun te resta

gnent’artro più che da infilatte a letto.

**

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Comincia quann’è più un tinticarello,
    lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,
    man mano però brucia e la parola
    s’abbassa fin’a diventà un fruscello. … (continua)

    Comment by Stefano — 16 Gennaio 2018 @ 05:27
  2. E’ così bello ‘sto sonetto, che ho voglia di avere l’influenza! scherzo, naturalmente: io, con l’influenza ho firmato un armistizio, che dura ormai da anni!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Gennaio 2018 @ 11:13
  3. Bongiorno e scusateme quarche assenza. Er fatto è ‘ncomincio a sentimme cotto de testa e cosi, senza idee, nun se scrive. Pe’ quanto ariguarda l’influenza, m’a so’ scordata da quanno ho principiato a famme vaccina’ dar medico de l’ASL: prima me el beccavo tutte!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 16 Gennaio 2018 @ 11:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>