Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Aprile 2010

Er treno de ricordi

Tags: , , ,

er treno dei ricordi

Er treno de ricordi

******

A vòrte, senza che ce sia ‘n motivo,

se mette ‘n moto e core ner cervello,

er treno der passato, cor fardello,

pe ogni vagone, d’un ricordo vivo.

******

 

A le stazzioni sòna er campanello,

quelle ‘ndo sale ‘n fatto decisivo,

ma nun c’è scritta mai l’ora d’arivo,

solo er percorso, che è sempre quello.

******

 

La tratta è quella de la vita scorsa,

e nun c’è modo de cambia’ er binario,

de scènne prima e prènne n’artra corsa.

******

 

Perciò finchè c’è vita e sei in orario,

sali ‘n càrozza, posa ‘mpicci e borsa,

e godite sto viaggio straordinario.

******

Stefano Agostino

__________________________

  1. Una bella intuizione la metafora del treno come percorso della vita. Tra le tante cose che mi vengono in mente in proposito dico che è vietato voltarsi a guardare indietro, che va scelta con molta attenzione chi ci accompagna in questo viaggio, e infine che ne va goduto ogni momento!

    Comment by Silvio — 6 Aprile 2010 @ 10:16
  2. Penso che ‘sto treno lo pijamo tutti, a mano, a mano, che pjamo coscienza e conoscenza de la vita. E’ ‘n viaggio rapido e uguarmente lento. Lento ner progredi’ de la vita, ma rapido quanno te vengheno in mente tutte le stazioni ch’hai passato e dove averesti avuto da cambia’ percorso. Nun pòi di’ scegno a la prossima, torno addietro e pijo l’artra strada. No, nun se torna addietro, ma se po’ sta’ attenti, se possibile, de nun sbaja a la prossima stazione. Grazie Stefano d’ ave’, co’ ‘sto sonetto, promosso un’ urteriore riflessione su la vita.

    Comment by 'svardo — 6 Aprile 2010 @ 11:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>